LEDANZO RESAMI AL SALONE DEL LIBRO DI FIRENZE

Trattava romanzi come fossero vini, vini come fossero romanzi. Questo era Ledanzo Resami, uomo del terzo millennio con un’ossessione mai nascosta per le agende Moleskine, su cui annotava tutto. Visto il suo lavoro in biblioteca e la sua passione enologica, amava definirsi scherzosamente enotecario dilettante e sommelier di libri. Nella sua mania eno-letteraria aveva persino scritto sul suo taccuino: “Il tannino di questo vino è come l’Innominato dei Promessi Sposi: complesso e malvagio ma in via di conversione col tempo” e “Questo libro è più banale e scadente dei vini che trovi in nell’ultimo scaffale in basso al discount”.

Quando venne a conoscenza del fatto che Firenze, la sua città natale, avrebbe ospitato un salone del libro era felice come quando un fan sa dell’arrivo della sua band in città.Vista l’assenza dei grandi nomi dell’editoria, pensò di essere di fronte non ad un Vinitaly ma alla Fiera dei Vignaioli Indipendenti di Piacenza: avrebbe potuto scovare qualcosa di diverso, innovativo, sorprendente.
Amante della puntualità, venerdì 17 febbraio Ledanzo era già davanti alla Fortezza da Basso alle 10 in punto, momento in cui dovevano aprire i cancelli. Trascorse dieci, quindici, venti minuti di attesa nel bel mezzo di una classica fila all’italiana, senza un ordine pensato: non c’era nemmeno un’ entrata a parte riservata ai gruppi e alle scolaresche! Da odiatore seriale di ritardi, iniziò ad avvertire un certo malumore, anche se nulla in confronto alle maestre vicino a lui, indaffarate a distrarre i loro alunni con giochi e canzoni infantili: Whiskey il ragnetto divenne presto la colonna sonora dei presenti. Non era un bell’inizio né per lui né per l’evento fiorentino.

La coda è cool per un locale notturno, non per un festival del libro

(frase da social). Poi improvvisamente la luce: venne aperta la porta d’ingresso.

20170217_102035

Di colpo dimenticò tutta la delusione, pagò e corse subito a cercare dei materiali informativi. Non vedeva l’ora di gustarsi gli eventi, capire come e dove conoscere i protagonisti della kermesse, ma… niente da fare. Cartina e mappa assenti. Ma come? Perché? Cercò di trovare qualche ragione: “ È colpa della Dea Atena che, adirata con gli organizzatori dell’evento per il ritardo, ha fatto scomparire tutto il materiale”. Ma non gli sembrò molto plausibile.
Amareggiato, entrò insieme ai tanti bambini: li vide prendere posto con le maestre nei vari stand e provò invidia: “Beati loro che sanno dove andare”.Grazie alla disponibilità di alcuni espositori, Ledanzo si trovò all’ora giusta nel luogo dove era fissato un incontro a cui voleva assistere, ma il rumore di un trapano e la vista di alcuni operai al lavoro gli fecero capire che era meglio recarsi altrove. Era al livello massimo di sconsolazione.
Cosa poteva andare peggio? L’arrivo dell’ospite a sorpresa della mattina, noto nel Paese per il suo amore per le ruspe e per i luoghi comuni, per un’attività politica populista dai toni spesso sconcertanti. Non proprio un esempio di uomo di cultura aperto e tollerante.

2017-02-25 15.27.03Ormai senza speranza, ritenendosi una persona di larghissime vedute, si mise a sedere ed iniziò ad ascoltarlo: era curioso di sapere cosa avrebbe detto in un salone del libro. L’unico argomento culturale che il politico sfiorò era il proprio amore per una defunta scrittrice della sua città. Alla domanda “Perché si legge meno?” egli rispondeva “Perché se uno ha il problema del mutuo e del contratto di lavoro, non ha lo spirito per tornare a casa la sera e iniziare a leggere un libro. Poi anche venti euro per un libro per qualcuno fanno la differenza”.
Il nostro sommelier di libri voleva interrompere questa sua frase semplicista e spiegargli l’esistenza delle biblioteche pubbliche, ma il politico era troppo impegnato a distribuire cliché in politichese.
Dopo pochi istanti Ledanzo lo abbandonò con i suoi adepti deliranti, mise da parte i suoi sentimenti e partì per la prima missione: alla scoperta dell’editoria a pagamento, tematica assai discussa prima dell’evento. Risultato finale? Omertà assoluta. Nessuno sapeva nulla. All’improvviso un cartello: “Noi non pubblichiamo a pagamento”. Ledanzo si fermò allo stand e iniziò a fare due chiacchiere con Rita. Lei si definiva un un vero editore indipendente che curava ogni dettaglio, dall’editing fino alla copertina. Gli altri ormai avevano abbandonato questa strada. Congedò Ledanzo avvisandolo: “Gli editori a pagamento (EAP) ci sono eccome, basta portargli un libro da pubblicare”. Aggiunse poi sorridendo: ”Io non dormo la notte per leggere i manoscritti. Forse sono una dei pochi rimasta a farlo”.
Nonostante non fosse riuscito a parlare con nessuno dei protagonisti, vagando per il salone riuscì a capire meglio il fenomeno degli EAP: i work-shop e laboratori di scrittura creativa erano dappertutto. Ledanzo arrivò a comprendere che la loro presenza massiccia era il segnale che in Italia, tutti vogliono pubblicare, magari tutto e anche subito. Ecco spiegato il loro proliferare.

Italia: paese di santi, poeti, navigatori e scrittori (non letti)

(seconda frase da social). In fondo, compativa i suoi connazionali con velleità di scrittore: quello era un po’ anche il suo sogno nel cassetto. Terminata la sua missione, Ledanzo vagò alla ricerca di esempi virtuosi di editoria.
Prima quella per bambini e ragazzi: alcune case editrici riuscivano davvero a coniugare la bellezza delle immagini con la qualità del contenuto.2017-02-24 21.45.31 Naturalmente non tutte erano eccellenti: alcune erano rimaste alla grafica di un mediocre libro di catechismo degli anni Novanta.
Pausa sigaretta, poi ripartì per nuovo giro: alla scoperta di fiction e non-fiction per adulti.Trovò di tutto: libri metafisici e spirituali, guide di viaggi insolite, un testo sul cinema popolare di Ciccio e Franco, saggi dietrologici, migliaia di testi legati a Firenze e alla Toscana.Trascorse del tempo con l’editore al servizio della “slow-life”, ascoltò quello rivolto alla terza età, fu divertito dalla storia dell’editore che pubblicava narrativa, fumetti, saggi e tutto ciò che riguarda Cuba. Grande spazio nella sua agenda fu dedicato poi a degli autori indipendenti che avevano costituito un gruppo su facebook in cui fare le riunioni, e pubblicavano grazie ad una piattaforma online: un nuovo modo di essere scrittori e fare libri.2017-02-25 08.30.50

Appena tornato a casa, Ledanzo poté descrivere i libri che aveva visionato, facendo dei parallelismi con il mondo dei vini. Aveva trovato di tutto: libri senza contenuti e senza grafica, che lui definiva i “Libri-Tavernello”. Diceva sempre: “Come un individuo deve assaggiare un sorso di Tavernello per capire che non è un vino vero, uno deve assaporare anche quei testi per essere consapevole di non essere di fronte alla letteratura”. Aveva trovato anche piccole case editrici con opere dolci e frizzanti come bottiglie di Moscato d’Asti; altre con libri davvero interessanti e si sentiva gasato come quando riusciva a trovare una fattoria sconosciuta che produceva un vino rosso superlativo.
Infine giunse a formulare un voto per l’evento. Così scrisse: “Firenze Libro Aperto: 5-”.
Per quel che aveva visto, l’organizzazione meritava un bel 3: inaccettabile aprire con trenta minuti di ritardo e per di più che non si trovasse il materiale informativo. Al contenuto dava un 6,5: diversità alta, libri particolari ed introvabili, anche se in generale la qualità era media. Voto finale 5- con commento classico “potrebbe fare di più ma non si applica”. Ledanzo pensò di essere stato giusto: in fondo, aveva fatto come quei professori che danno all’alunno un brutto voto per stimolare un cambiamento di rotta e vedere realizzate le sue possibilità.

, , , , , , , ,

Comments are closed.